Nuda Proprietà

22 Ago, 2022

Quando si decide di acquistare una casa, può capitare di imbattersi nell’espressione “nuda proprietà” associata a un immobile in vendita. Spesso, questi annunci presentano un prezzo di mercato inferiore rispetto alla media degli immobili simili. La nuda proprietà rappresenta una soluzione che, specialmente in periodi di incertezza economica, si ritaglia un discreto spazio nel mercato immobiliare. Questa tipologia di vendita può offrire diversi vantaggi sia per il venditore sia per l’acquirente.

Come Funziona la Nuda Proprietà?

Per comprendere a fondo la nuda proprietà, è utile partire dalla definizione di proprietà nel nostro ordinamento giuridico. L’articolo 832 del Codice Civile stabilisce:

“Il proprietario ha diritto di godere e disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo, entro i limiti e con l’osservanza degli obblighi stabiliti dall’ordinamento giuridico”.

Considerando che la proprietà è un diritto reale esclusivo, il proprietario può creare diritti reali minori di cui altri possono beneficiare, come l’usufrutto.

Il titolare dell’usufrutto può godere e trarre beneficio dal bene per tutta la vita (e non oltre). Questo crea una distinzione tra due soggetti:

  • Usufruttuario: L’ex proprietario dell’immobile che ha venduto il diritto di proprietà ma mantiene il diritto di usufrutto.
  • Nuovo proprietario: Acquista un diritto di proprietà che “comprende” l’usufrutto e otterrà il pieno godimento del bene alla cessazione del diritto di usufrutto, ovvero alla morte dell’usufruttuario.

Chi Paga le Spese su un Immobile in Nuda Proprietà?

Quando si acquista un immobile in nuda proprietà, una domanda comune riguarda chi è responsabile delle tasse e delle spese associate.

Le responsabilità sono suddivise come segue:

  • Usufruttuario: È responsabile delle spese di manutenzione ordinaria, poiché deve mantenere l’immobile in buono stato.
  • Nudo proprietario: È responsabile delle spese straordinarie.

Sebbene questa sia la prassi comune, le parti coinvolte possono concordare privatamente una diversa divisione degli oneri di manutenzione.

Secondo il Codice Civile, l’usufruttuario è tenuto a pagare le imposte per tutta la durata del suo diritto, nonché tutti i canoni, le rendite fondiarie e qualsiasi altro onere che gravi sul reddito derivante dall’immobile.

Per Chi è Vantaggioso Scegliere la Nuda Proprietà?

Ora che abbiamo chiarito tutte le definizioni e il funzionamento della nuda proprietà, resta da rispondere a un’ultima domanda: quali sono i vantaggi per chi vende e per chi acquista?

Vantaggi per il Venditore

Dal punto di vista del venditore, il principale vantaggio è la possibilità di ottenere liquidità immediata dalla vendita senza rinunciare all’uso esclusivo dell’abitazione. Questo aspetto è particolarmente utile nella vecchiaia, fase della vita in cui spesso si decide di vendere un immobile tramite questa modalità. Inoltre, l’usufruttuario (il venditore) può affittare o vendere il diritto di usufrutto a terzi, rispettando i limiti previsti dal contratto di vendita.

Tuttavia, l’usufruttuario deve mantenere l’immobile in buono stato e non può modificarne la destinazione economica senza il consenso del nudo proprietario (l’acquirente).

Questa soluzione è ideale per i venditori che necessitano di liquidità immediata, ma desiderano continuare a utilizzare l’immobile fino alla loro morte.

Vantaggi per l’Acquirente

Per l’acquirente, il vantaggio principale è la possibilità di acquistare un immobile a un prezzo inferiore rispetto al mercato. Questo è particolarmente evidente per le proprietà di maggior metratura. L’immobile può essere sfruttato in futuro, ad esempio per la propria pensione o da lasciare ai figli una volta cresciuti. Inoltre, il nudo proprietario (l’acquirente) è esentato dalle spese di manutenzione ordinaria e dalle tasse, che rimangono a carico del venditore. Tuttavia, le spese strutturali e straordinarie sono a carico dell’acquirente.

Infine, tra i vantaggi della nuda proprietà c’è la possibilità di usufruire del bonus prima casa, nel rispetto delle condizioni previste dalla legge.

Conclusione

La nuda proprietà rappresenta una soluzione interessante e vantaggiosa sia per chi vende sia per chi acquista. Per il venditore, offre la possibilità di ottenere liquidità immediata senza perdere l’uso dell’immobile; per l’acquirente, consente di acquistare una proprietà a un prezzo ridotto, con la prospettiva di un investimento a lungo termine. Valutare attentamente questa opzione può rivelarsi una scelta strategica nel mercato immobiliare attuale.

Post Correlati

L’Ente Urbano

L’Ente Urbano

L'Ente Urbano: significato Capita spesso, durante la consultazione di una Visura Catastale, di imbattersi nella descrizione di una particella come "Ente Urbano". Questo termine indica che il terreno è stato soggetto a un aggiornamento catastale di tipo mappale, un...

Come si calcola la superficie commerciale di un immobile

Come si calcola la superficie commerciale di un immobile

Secondo quanto stabilito dal Decreto del Presidente della Repubblica numero 138 del 1998, è importante notare che la superficie commerciale di un immobile è equiparata alla sua superficie catastale. Tuttavia, c'è una differenza significativa rispetto alla superficie...

Categoria Catastale C7: che cosa è?

Categoria Catastale C7: che cosa è?

La categoria catastale svolge un ruolo fondamentale nell'ordinamento degli immobili e agevola le transazioni nel settore immobiliare, in questo articolo, focalizzeremo la nostra attenzione sulla categoria catastale C7, esaminando la sua definizione, i benefici e i...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Apri la chat
Hai bisogno di aiuto?
Ciao,
lascia la tua richiesta un operatore risponderà il prima possibile.